Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Repubblica Italiana
PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ

D.P.R. n°235 del 21/11/2007

SCUOLA-FAMIGLIE-STUDENTI

PREMESSA

La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta la risorsa più idonea a frenare il rischio del dilagare di un fenomeno negativo che intacca l'osservanza delle regole sociali e la libertà personale di ogni individuo che si realizza nel rispetto dei diritti altrui e nell'adempimento dei propri doveri. Pertanto, obiettivo principale della scuola è quello di far acquisire non solo competenze, ma anche valori da trasmettere per formare cittadini che abbiano senso di identità, appartenenza e responsabilità. Grazie all'autonomia scolastica, che consente alle singole scuole di programmare e condividere con gli studenti, le famiglie e il territorio, si ha la possibilità di elaborare un percorso educativo idoneo alla crescita umana e civile dei giovani.Per tale motivo sorge la necessità di realizzare, ad ampio raggio, una alleanza educativa tra famiglie, studenti ed operatori scolastici.

PRINCIPI GENERALI

Regolamentare la vita della scuola non è solo un problema dei docenti e degli addetti ai lavori, ma interessa tutti coloro che hanno a cuore la crescita umana, culturale e sociale dei giovani. Le sanzioni disciplinari hanno finalità educative e tendono al rafforzamento del senso di responsabilità ed al ripristino di rapporti corretti all'interno della comunità scolastica. Esse sono sempre temporanee, proporzionate all'infrazione ed ispirate, per quanto possibile al principio della riparazione del danno creato.

LA SCUOLA SI IMPEGNA A:
  • Creare un clima sereno e corretto nell'ambiente scolastico, favorendo l'acquisizione delle conoscenze e delle competenze, la crescita comportamentale, il sostegno nelle diverse abilità, l'accompagnamento nelle situazioni di disagio, la lotta ad ogni forma di pregiudizio e di emarginazione.
  • Realizzare i curricula disciplinari nazionali e le scelte progettuali, metodologiche e pedagogiche, proposte nel POF dell'Istituto, tutelando il diritto all'apprendimento.
  • Prestare ascolto, attenzione, assiduità e riservatezza ai problemi degli studenti, per favorire l'interazione educativa con le famiglie.
I DOCENTI SI IMPEGNANO A:
  • Illustrare e motivare i contenuti, i metodi, e gli obiettivi del proprio insegnamento, rendendo partecipi i genitori e gli alunni della scelta del percorso didattico.
  • Attuare strategie ed interventi educativo-didattici al fine di migliorare la motivazione allo studio e il rendimento scolastico.
  • Precisare le finalità e i traguardi da raggiungere nella propria disciplina.
  • Comunicare alle famiglie le valutazioni (voti-giudizi) delle prove di verifica scritte e orali.
  • Comunicare alle famiglie, attraverso il coordinatore, eventuali situazioni di profitto insufficiente o frequenza irregolare a scuola.
  • Comunicare in segreteria, tramite il coordinatore, i nominativi degli alunni che si assentano spesso o per lunghi periodi.
  • Essere disponibili ad un confronto costruttivo con le famiglie per la crescita e maturazione dei propri figli.
  • Chiarire con la famiglia e l'interessato i motivi di un eventuale provvedimento disciplinare.
  • Rispettare, nella dinamica insegnamento-apprendimento, le modalità, i tempi, i ritmi personali di apprendimento di ciascun alunno.
  • Non consentire che gli alunni durante le lezioni escano fuori dall'aula per andare in altre classi per chiedere materiale o altro.
  • Non espellere gli alunni dall'aula se non in casi eccezionali, debitamente motivati ed ossequiosi delle procedure previste dalla normativa vigente e comunque senza averli affidati in custodia ad un collaboratore scolastico.
  • Comunicare, non appena chiamato l'appello alla presidenza o ai docenti collaboratori l'eventuale assenza dell'alunno diversamente abile della classe.
IL PERSONALE ATA SI IMPEGNA A:
  • Essere disponibili e cortesi con alunni, docenti, e famiglia.
  • Garantire la tempestività e la trasparenza dei procedimenti amministrativi.
  • Comunicare efficacemente ed efficientemente con le famiglie e gli alunni.
  • Vigilare sui minori in consegna anche temporanea.
  • Segnalare immediatamente alla presidenza o ai docenti collaboratori o alla segreteria la presenza di attrezzi e strumenti non in perfetto stato di efficienza, di banchi o vetri rotti, di fili elettrici scoperti ecc..
  • Assicurare il massimo dell'igiene nelle aule e negli spazi comuni.
GLI ALUNNI SI IMPEGNANO A:
  • Entrare a scuola al suono della prima campana, in maniera ordinata ed avviarsi rapida-mente alla propria aula dove saranno attesi dagli insegnanti della prima ora; al suono della seconda campana avranno inizio le lezioni.
  • Essere puntuali; i ritardatari devono essere adeguatamente giustificati. I molti ritardi, non adeguatamente giustificati dai genitori, saranno segnalati ai servizi sociali ed alle autorità competenti.
  • Rispettare se stessi, i compagni, gli insegnanti, i collaboratori scolastici e tutto il rimanente personale della scuola. Il mancato rispetto di uno solo di queste componenti farà scattare un immediato provvedimento disciplinare.
  • Rispettare le cose degli altri, la pulizia dei locali scolastici e, tenere in ordine gli arredi in uso. Gli eventuali danni provocati volontariamente o per incuria alle cose degli altri, agli arredi e alle attrezzature dovranno essere risarciti da coloro i quali li hanno provocati; se il o i responsabili rimanessero sconosciuti il risarcimento sarà effettuato dall'intera classe. In caso di mancato risarcimento, entro sette giorni, saranno presi provvedimenti disciplinari come la sospensione dalle lezioni e avvisate le autorità comunali competenti. Inoltre la Dirigenza può decidere di non autorizzare attività extrascolastiche per le classi che abbiano arrecato danni alle strutture e può decidere di assegnare agli alunni il compito di pulire e ripristinare gli arredi deteriorati.
  • Se si desidera conferire con il Dirigente, chiedere il permesso all'insegnante esponendone i motivi.
  • Recarsi in bagno non più di uno alla volta.
  • Al termine delle lezioni uscire in fila per due, accompagnati fino alla porta d'ingresso dai rispettivi insegnanti.
  • Al termine delle lezioni utilizzare le uscite assegnate ad ogni classe secondo il piano di evacuazione affisso in ogni aula.
  • Giustificare le assenze lo stesso giorno del rientro a scuola solamente con l'esibizione del libretto fornito dalla scuola e sottoscritto da un genitore. Presentare certificato medico dopo cinque giorni consecutivi di assenza.
  • Essere accompagnati a scuola se non giustificano l'assenza per due giorni consecutivi; se non presentano certificato medico; se arrivano in ritardo a scuola per il secondo giorno consecutivo; se sono sospesi dalle lezioni, anche per un solo giorno.
  • Venire a scuola ordinati nella persona e nelle cose e portare tutto l'occorrente per poter partecipare a tutte le attività scolastiche. È severamente vietato indossare il cappello all'interno dell'edificio scolastico.
  • Consumare la colazione in classe solo durante la pausa ricreativa. Inoltre è vietato uscire dalla propria aula di appartenenza, correre nei corridoi, tenere un comportamento scorretto durante la ricreazione.
  • Occupare il posto loro assegnato dagli insegnanti e rispettare la disposizione dei banchi assegnata per consentire una regolare attuazione dei piani di evacuazione.
  • Non lasciare la scuola prima del termine delle lezioni, tranne che per seri motivi e solo se prelevati da uno dei genitori (o chi ne fa le veci). In casi particolari l'autorizzazione all'uscita anticipata può essere data solo per coloro che sono muniti di autorizzazione firmata dal genitore che ha depositato la firma, dove, tra l'altro, risulti il nome della persona delegata che dovrà presentarsi con un valido documento di riconoscimento. L'autorizzazione all'uscita anticipata può essere data solo dal D.S. o da uno dei suoi collaboratori.
  • Non uscire dall'aula tranne che per gravi o urgenti motivi. Non è permesso andare in bagno durante la prima e l'ultima ora di lezione.
  • Non portare a scuola materiale estraneo all'attività scolastica che possa distogliere l'attenzione dalle lezioni o, peggio che possa essere pericoloso. Tale materiale verrà sequestrato e, se ritenuto pericoloso, consegnato alle autorità competenti.
  • Non tenere acceso o usare il cellulare durante le ore di permanenza a scuola. In caso di inosservanza del presente articolo, il cellulare verrà spento, sequestrato e riconsegnato solo al genitore.
  • Non aprire o chiudere le porte o le finestre superando le barriere predisposte, affacciarsi alle finestre, schiamazzare, gironzolare o correre per i corridoi o nel cortile.
  • Fumare o usare gomma da masticare. È fatto divieto assoluto di fumare in tutti i locali della scuola, ovvero: aule, laboratori, aula magna, palestra, sala docenti, corridoi e finanche nel perimetro adiacente la scuola. I trasgressori trovati a fumare saranno severamente puniti. Quelli trovati a masticare gomma saranno invitati a gettarla immediatamente nel cestino della spazzatura.
  • Non disertare in massa le lezioni. La protesta è consentita solo se accompagnati dai genitori.
I GENITORI SI IMPEGNANO A:
  • Conoscere la proposta formativa ed il progetto educativo della scuola, collaborando con gli insegnanti.
  • Far rispettare la regolarità della frequenza alle lezioni, limitando i ritardi, gli ingressi posticipati e le uscite anticipate, giustificando e verificando le assenze.
  • Favorire l'autonomia personale del proprio figlio attraverso l'educazione al rispetto e alla cura della persona sia nell'igiene che nell'abbigliamento rigoroso e adeguato all'ambiente scolastico.
  • Informarsi periodicamente sulla situazione scolastica del/la proprio/a figlio/a.
  • Assicurare la regolare frequenza anche nel rientro pomeridiano. Si precisa che per l'ammissione all'anno successivo è richiesta non solo la frequenza assidua ma anche un comportamento scolastico rispettoso e diligente.
  • Evitare di contattare i figli durante le attività didattiche se non per validi motivi.
  • Conoscere e rispettare il Regolamento d'Istituto e il Regolamento Disciplinare.
CONCLUSIONI

La scuola si impegna a diffondere tramite internet o a produrre copia cartacea, su richiesta delle famiglie, del Patto Educativo di Corresponsabilità, del POF e del Regolamento d'Istituto e dare comunicazione tempestiva delle eventuali modifiche ed integrazioni.

Albo on line

albo on line

 
Vai all'inizio della pagina